skip to Main Content

L’importanza della certificazione degli impianti elettrici

Certificazione degli impianti elettrici
Certificazione degli impianti elettrici

C’è spesso confusione su ciò che viene comunemente chiamato “certificazione degli impianti elettrici“. Esistono essenzialmente alcune tipi di documenti o certificati. Ciascuno implica un diverso tipo di certificazione.

1. Il “Certificato degli impianti elettrici”

È la dichiarazione di conformità del contraente che indica che i nuovi lavori elettrici descritti sono eseguiti in conformità con le normative di cablaggio in vigore al momento dell’installazione. Include schemi circuitali e registra i risultati dei test effettuati prima della messa in servizio. Un EIC non può essere emesso da soggetti diversi dal contraente installatore e includerà una data per il riesame e il collaudo.

Le varianti di questo certificato includono:

“Certificazioni” per lavori di installazione che non richiedono un nuovo circuito dal quadro di distribuzione.
“Certificato di installazione domestica” un EIC ridotto appositamente studiato per le abitazioni.

L’elettricista esperto rilascerà un certificato di installazione elettrica per tutti i tipi di lavori eseguiti.

 2. Il “Rapporto di ispezione periodica”

Per un’installazione elettrica è simile nell’aspetto all’EIC ma è un rapporto sulle condizioni di un’installazione esistente quando un’installazione raggiunge l’età indicata nel precedente PIR o EIC dell’installatore. Questo rapporto comprende osservazioni e raccomandazioni a seguito di un’ispezione visiva e i risultati di prove definite. Un PIR può essere rilasciato da qualsiasi persona o appaltatore adeguatamente qualificato o con esperienza e non deve essere utilizzato per certificare una nuova installazione in assenza di un EIC. Vedi sotto per maggiori informazioni.

3. Il certificato “Parte P”

Si riferisce alla sezione elettrica (parte P) delle normative edilizie e si applica solo alle installazioni domestiche. Certifica che qualsiasi lavoro di installazione elettrica (con alcune eccezioni minori) è stato notificato al dipartimento di controllo dell’edificio dell’autorità locale o direttamente tramite uno schema come lo schema di installazione domestico NICEIC per gli appaltatori registrati approvati. Il certificato viene rilasciato dallo schema di installazione nazionale per conto o direttamente dal controllo dell’edificio e non dall’appaltatore dell’installazione. Parte P certificazione È un requisito statutario ed è in aggiunta all’EIC o alle sue varianti.

5. Altra documentazione elettrica include:

  • “Rapporto sulle condizioni visive domestiche”. Non applicabile per installazioni commerciali o industriali. Essenzialmente un PIR domestico senza test. Non è generalmente riconosciuto come un “certificato”.
  • La “Notifica di pericolo elettrico” informa il proprietario o la persona responsabile dell’edificio sulle condizioni dell’impianto elettrico.
  • Certificati e relazioni sull’illuminazione di emergenza.
  • Rapporti del sistema di allarme antincendio.
  • Certificati per aree pericolose.

Per intervento sui certificazione degli impianti elettrici, contatta oggi un nostro operatore telefonico ti risponderà nell qualsiasi momento della giornata, anche durante gli orari notturni. I tecnici con cui collaboriamo sono sempre disponibili di aiutare nell qualsiasi momento al numero 05741746660 .

Questo articolo ha 0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *